header logo

Daniele Vetrugno, ex calciatore e proprietario del “Cantiere Hambirreria” con sedi a Lecce, Milano e New York, è intervenuto ai nostri microfoni nel corso dell'ultima puntata di PL Talk in onda su Twitch, raccontando della sua recente esperienza imprenditoriale negli Stati Uniti nella “Grande mela”.

Sull'orario di apertura a NY

Siamo aperti tutti i giorni dalle 17 fino a mezzanotte mentre, il sabato e la domenica anche all'ora di pranzo così da permettere ai nostri tifosi, presenti in città, di vedere la partita.

Sui salentini a New York

C'è un bel senso di appartenenza: a molti di loro piace parlare il dialetto ed entrare nel locale con sciarpe e bandiere. E' piacevole perchè crea un clima di familiarità che apprezzo tanto.

Cantiere
Cantiere New York

Sugli affari in America

Molti cittadini americani stanno apprezzando il nostro progetto e questo mi lusinga perchè significa che l'idea sta avendo successo. Ringrazio i clienti, non è scontato che ci sia così tanta affluenza. Fortunatamente in ogni città abbiamo tante presenze e questo mi spinge a migliorare e a curare ogni dettaglio, così da stimolare il cliente e farlo sentire a casa. Ovunque vado, anche in America, avverto belle sensazioni; abbiamo sentito tutto l'affetto dei nostri clienti e questo è motivo di grande orgoglio e soddifazione perché vuol dire che sto riuscendo a portare il  “mio” Salento anche dall'altra parte del mondo. Non era scontato, anzi. Portare l'hamburger “italiano” in America era una scommessa e devo dire che gli americani stanno apprezzando molto, sono propensi ad assaggiare il nostro cibo. Questo è stato motivo di grande soddisfazione, riuscendo ad attirare anche l'attenzione di diverse testate giornalistiche, curiose del nostro progetto.

Gli americani hanno provato le “pittule”?

Assolutamente si. All'inizio uscivo in strada per fargliele provare e adesso, devo dire, sono particolarmente apprezzate e richieste.

Cantiere
Il Cantiere a New York

Sui progetti futuri

Per adesso non vedo l’ora di riaprire la porta di casa e riabbracciare mia moglie e i miei figli perché sono fuori da quattro mesi. Vivo alla giornata: adesso dobbiamo fare bene nei punti che abbiamo aperto, bisogna essere competitivi ed efficienti affinché la gente apprezzi i nostri prodotti. Piedi per terra dunque, lavoriamo ogni giorno per migliorarci.

Sui collaboratori leccesi a NY

Abbiamo un credo lavorativo che dobbiamo tramandare ai nostri collaboratori. Abbiamo avuto richieste di franchising e di aperture in Italia. In ogni negozio abbiamo ragazzi di Lecce, che sono cresciuti e maturati assieme a noi. Ad esempio in America ci sono due ragazzi di ventisei anni con il ruolo di manager ea Milano, invece, una ragazza mentre a Lecce diversi profili che sono legati al progetto, sentendolo come loro. Oltre alla qualità, quindi, l'ospitalità da garantire al cliente.

Sui riconoscimenti per quello che ha fatto il Cantiere a Lecce, in Italia e negli USA

Nel corso della trasmissione abbiamo riferito simpaticamente di voler dare come PianetaLecce un premio per quello che lui ha costruito in questi anni. Al tempo stesso abbiamo domandato a Vetrugno se dall’amministrazione o dal sindaco ha ricevuto una chiamata o dei riconoscimenti per il percorso fatto sia su Lecce che per le aperture fatte.

Dal Sindaco di Lecce non mi è mai arrivata nessuna chiamata, ma mi auguro e ne sono certo che c‘è soddisfazione per quello che è stato fatto. Quello che noi facciamo è perché ci piace farlo. Abbiamo rivalutato un quartiere, a Lecce, che era in totale degrado. Viale Taranto ha cambiato volto, hanno aperto multinazionali come Old Wild West e tanti altre piccole realtà e questo non può far altro che rendermi felice.

Seguici su Twitch per non perdere le nostre trasmissioni in diretta
"Strefezza è il giocatore più forte visto in questi ultimi 3 anni": a Como si fa festa