header logo

Il calciomercato deve ancora entrare nel vivo. È il momento dei sondaggi e delle suggestioni, che arrivano da tutte le parti d'Italia e non solo. Mentre dalla Sicilia al Lecce è stato accostato Brunori negli scorsi giorni, TMW rilancia un nuovo nome per l'attacco dei salentini.

Chi è Jari Vandeputte

Esterno offensivo classe 1996, il belga milita nel Catanzaro da diverse stagioni, ma è stata questa l'annata della sua consacrazione. In Serie B agli ordini di Vivarini ha collezionato 36 presenze siglando 9 gol e addirittura 14 assist. Numeri eccellenti per un'ala, simili a quelli registrati da Strefezza in giallorosso nell'annata 2021-22.

Difficile vedere ancora in cadetteria un giocatore che ha dimostrato il suo valore e che sicuramente farebbe comodo ad alcune società di massima serie. La sua valutazione di mercato secondo transfermarkt sarebbe di 3.5 milioni di euro; inoltre, il suo contratto scadrà tra 12 mesi.

Vandeputte lascia Catanzaro? Lecce, Palermo e Torino alla finestra

Se Vandeputte dovesse lasciare Catanzaro, tre club sarebbero interessati al suo cartellino. A sostenerlo è TMW in una news esclusiva pubblicata poche ore fa:

Jari Vandeputte e il Catanzaro, prove di addio. Il centrocampista belga classe 96 ritiene conclusa la sua esperienza in Calabria dove si è imposto come uno dei migliori nel ruolo in tutta la categoria. E così si accende il mercato. Torna di moda il Palermo che già l’anno scorso lo aveva individuato come un rinforzo ideale per la squadra all’epoca guidata da Eugenio Corini. 

Eugenio Corini

E ci pensano anche alcuni club di Serie A. Si tratta di Torino e Lecce che hanno sondato il terreno e potrebbero approfondire l’idea nel corso delle prossime settimane. Vandeputte, al Catanzaro dal 2021, ha collezionato centoquattro presenze crescendo in maniera esponenziale negli anni. E adesso potrebbe essere arrivato il momento dei saluti. Palermo, Torino e Lecce studiano la situazione.

Bentivogli su Rodriguez: "Avevamo la sensazione di aver preso un giocatore in grado di fare la differenza in B"
Brindisi Calcio sospeso tra "cordata romana" e l'ombra del fallimento