header logo

Ylber Ramadani vuole il Lecce e non lo nasconde. Da settimane prosegue la trattativa per il regista della nazionale albanese di proprietà dell'Aberdeen. Un mese fa i giallorossi hanno preso informazioni, da qualche giorno c'è un'offerta sul tavolo e prossimamente potrebbe esserci il forcing per chiudere l'acquisizione a titolo definitivo del 27enne.

Ylber Ramadani: chi è il centrocampista che ha impressionato il Lecce

Ramadani è il nome più concreto per il centrocampo, fornirebbe esperienza e geometrie al reparto. Ha un contratto fino al 2025 con la società scozzese, è dotato di un grande carisma e vanta 27 presenze con la selezione dell'Albania. Dato destinato ad aumentare. 

Mentre il 12 luglio ha partecipato attivamente alla goleada dai danni del Turriff United, siglando una rete, nella giornata di sabato è partito dalla panchina contro il Charlton Athletic. È di per sé una notizia, dato che Ramadani è un titolare fisso sia nel club sia nella Nazionale.

Calciomercato Serie A, Ylber Ramadani-Lecce: spuntano gli indizi social

Tra il centrocampista ed il club scozzese ci sono i giallorossi, che da diverse settimane stanno corteggiando il calciatore e presto potrebbero affondare il colpo. Il Lecce ha scelto Ramadani e lo vuole a prescindere dal futuro di Morten Hjulmand, poiché garantirebbe al reparto delle caratteristiche differenti.

Sebbene l'Aberdeen sia un club importante in Scozia arrivato terzo nello scorso campionato, Ramadani ha voglia di Italia e sui social sta lanciando dei messaggi chiari. Su Instagram ha iniziato a seguire il profilo dell'Unione Sportiva Lecce e più di qualche addetto ai lavori.

Su Twitter, invece, ha messo “mi piace” al tweet di Gianluca Di Marzio che annuncia la trattativa avanzata con i salentini. Questi movimenti social hanno indispettito i tifosi dell'Aberdeen, che stanno lanciando appelli al calciatore, chiedendo la permanenza.

"PL Talk" Monza-Lecce: ospite in puntata Lino De Lorenzis del Nuovo Quotidiano di Puglia
Frosinone-Lecce 3-1: Abisso choc. Tesoro: "Non arbitri più il Lecce"