header logo

Peppino Palaia è stato un pezzo di storia dell'Unione Sportiva Lecce. L'ex Responsabile dello staff medico giallorosso ha fatto parte della società salentina per circa 40 anni ed ora, nonostante non abbia più un ruolo in questa squadra, è ancoraamato dai tifosi ed è rimasto molto legato alla sua gente.

A tal proposito, come riportato dal Corriere dello Sport, domenica 5 marzo, alle ore 12, a Cologno Monzese in via fratelli Pervago, un bel gruppo di tifosi giallorossi inaugurerà, alla presenza di Peppino Palaia, il primo “Lecce Club Peppino Palaia”, prima dell'importante sfida tra Inter e Lecce, gara valevole per la sesta giornata di ritorno del campionato di Serie A.

Ricordiamo che l'addio di Palaia al Lecce è avvenuto in un caldo pomeriggio dell'estate 2020, a causa di alcuni dissidi con Fabio Liverani, all'epoca ancora allenatore dei giallorossi. Ecco di seguito il comunicato con il quale il Responsabile dello Staff medico giallorosso ha salutato la società ed i tifosi, dopo tantissimi anni di professionalità e passione per questi colori: 

"In data 18-08-2020 si è concluso il mio rapporto di collaborazione, in qualità di responsabile sanitario, con l’ U.S. Lecce per espressa volontà del sig. Fabio Liverani, responsabile tecnico, che ha addotto presunti contrasti tra di noi, se contrasti possono chiamarsi le dispute per la gestione degli atleti infortunati così numerosi come mai nella mia quarantennale carriera di medico da campo. Ringrazio la società, che mi ha proposto ruoli alternativi, che non si confanno col mio modus operandi, ringrazio il presidente, i vicepresidenti e tutto il consiglio di amministrazione per l’affetto e stima dimostratami. Un ringraziamento particolare va ai tifosi, soprattutto ai ragazzi della Nord, che in quasi quarant’anni mi hanno supportato come professionista e come uomo in particolari momenti della mia vita. Grazie a tutti e forza Lecce“.

"PL Talk" Monza-Lecce: ospite in puntata Lino De Lorenzis del Nuovo Quotidiano di Puglia
Frosinone-Lecce 3-1: Abisso choc. Tesoro: "Non arbitri più il Lecce"