header logo

Gotti: "Atalanta avversario particolare. Dorgu? Vi racconto un aneddoto..."

Le dichiarazioni del tecnico giallorosso alla vigilia di Lecce-Atalanta

Pierpaolo Verri /
Luca Gotti

Le dichiarazioni del tecnico giallorosso alla vigilia di Lecce-Atalanta

Pierpaolo Verri /

Luca Gotti ha parlato in sala stampa alla vigilia di Lecce-Atalanta. Queste le dichiarazioni del tecnico giallorosso. 

  • Il turnover dell'Atalanta

    Se guadiamo la rosa dell'Atalanta è difficile capire quali sono gli 11 titolari. Hanno almeno 18 giocatori che si alternano tranquillamente. La prossima settimana affronteranno la partita più importante della loro storia ed è giusto che il focus stia lì, ma ha una rosa profonda. 

  • Il Lecce visto da fuori

    La mia idea del Lecce visto da fuori è quello che mi porta qui. Quest'anno ho rifiutato tante proposte, prima di avventare Lecce. Questo club ha una visione e una gestione che sono i motivi che mi portano qui. A fine campionato ragioneremo insieme su cosa fare nel prosieguo. 

  • Dorgu e il retroscena con Bale

    E' un ragazzo molto giovane, dà una disponibilità totale nel giocare a calcio. Ha qualità plastiche, grande capacità di adattamento, ha il piacere di giocare dentro al campo e trovare la posizione alle spalle degli avversari. Ha grosse qualità fisiche e tecniche. Cominciano a chiamarmi persone importanti del mondo calcistico per sapere cosa penso e cosa vedo in lui. Qualche anno fa c'era Mazzarri allenatore del Napoli, per gennaio il Napoli cercava un quinto di sinistra per il 3-5-2. Io avevo visto un giocatore nelle nazionali giovanili, giocava da terzino, mi piaceva molto e sembrava un quinto perfetto. Il direttore del Napoli di allora era Bigon, un mio caro amico. Discutevamo in macchina e gli dissi che al Tottenham c'era un giovane che secondo me era un ottimo quinto, era Gareth Bale. Lui lo vede, gli piace e va a parlare col Tottenham. Poi 20 giorni dopo fa tripletta a San Siro con l'Inter e non si fa più nulla. Dopodiché Bale diventa un attaccante. Poteva fare il terzino e l'esterno, ma poi ha trovato i gol come attaccante. Nel corso di una carriera possono esserci percorsi così. 

  • La preparazione della settimana

    Ci ho messo qualche giorno a sbollire il dispiacere della partita con l'Udinese che non mi è andata giù per tanti motivi. Ci siamo allenati ogni giorno e abbiamo spostato il focus sull'Atalanta. Non ho visto una squadra con la testa in vacanza, ho visto una squadra che sa che ci sono due partite da giocare nel miglior modo possibile. 

  • Berisha e Pierotti

    Hanno chance di partire dall'inizio. 

  • Il ritorno di Piccoli con Krstovic

    Sì, ma dobbiamo considerare la particolarità del nostro avversario, che ci impone di ragionare nelle due fasi in maniera diversa del solito dal punto di vista dell'atteggiamento.

  • Gallo

    Prospettiva nazionale? Non lo posso dire, non ho ben chiaro il panorama che ha a disposizione Spalletti. Gallo e Gendrey hanno la stessa età e un percorso simile qui a Lecce. Per entrambi questa annata è stata di trasformazione. Si sono notevolmente evoluti. Stanno mettendo a frutto l'esperienza fatta qui. Per entrambi mi sentirei di dire che ci sono ottimi margini di miglioramento. Non sono ancora giocatori finiti, hanno grossi margini di crescita. Sono ragazzi che hanno intenzione di migliorare e mi aspetto che possano stupire tante persone. 

  • L'aspetto tattico

    Gasperini ha il merito di aver portato ricchezza nel campionato di Serie A. Lui era Gasperini già 15 anni fa, aveva già questo tipo di imprinting tattico. Un aspetto importante di questo imprinting è l'intensità di gioco. Impone al suo avversario una partita quasi uomo a uomo. Quando Gasperini guidava le piccole squadre, le grandi riuscivano a imporsi complessivamente, non avevano il grande pensiero rispetto a questo atteggiamento. Col tempo nell'Atalanta il livello è cresciuto molto, nessuna squadra di Serie A può permettersi di affrontare l'Atalanta come farebbe normalmente. Gasperini traccia un solco e su quel solco arrivano Juric, poi Tudor, poi ci si è messo anche Palladino. Non sono più solo due partite su 38 nelle quali devi cambiare la preparazione della partita. Sono diverse le partite che ora si affrontano con un canone diverso, questo porta ricchezza in Serie A. 

  • Gli stimoli per la partita

    Non servono stimoli per giocare una partita di Serie A, stiamo svolgendo la nostra bellissima professione a uno dei livelli più alti esistenti al mondo. Questo è uno stimolo che ti deve accompagnare sempre, non serve la ricerca giornaliera. Giocheremo due partite di Serie A con due squadre molto forti da preparare al massimo. E' una questione di mentalità, che è stata determinante nel percorso dell'Atalanta. L'Atalanta si è creata una mentalità di livello superiore a quella che aveva prima.

Seguici su Twitch per non perdere le nostre trasmissioni in diretta
Lecce-Atalanta: convocati e probabile formazione dei giallorossi