header logo

Dopo due anni, un grandissimo campionato, ma soprattutto lucidità nei playoff, il Venezia è tornato in Serie A. Una partita attenta, dove era fondamentale passare in vantaggio per non rischiare di rimanere sul pareggio ed essere puntiti nei minuti finali, come aveva fatto scuola la finale dell'anno scorso. 

Tutto secondo programmi: i ragazzi di Vanoli hanno saputo stringere i denti nel secondo tempo, nonostante fossero visibilmente stanchi. Un gioco che il Venezia ha potuto fare, forte del goal che sostanzialmente valeva doppio, visto i due risultati su tre a disposizione. Il nervosismo finale poi ha giocato a vantaggio della compagine lagunare.

Diventano così decisivi la ripartenza di Busio e il gol "mister finali" Gytkjaer, il miglior marcatore nella storia dei Playoff. L'attaccante danese a fine primo tempo lo aveva dichiarato senza giri di parole: 

Queste partite mi piacciono, serve un po' di esperienza e io ce l'ho, perciò il mister mi ha scelto. 

Gli arancioneroverdi ora possono sorridere, Venezia è nella massima competizione calcistica e la festa può iniziare.

Bentivogli su Rodriguez: "Avevamo la sensazione di aver preso un giocatore in grado di fare la differenza in B"
Ecco quanto vale la promozione in Serie A del Venezia