Avevo giusto 5 minuti per scrivere queste poche righe di nulla

Ve lo dico sinceramente, oggi questo pezzo non lo avrei mai scritto se non fosse stato per il buco di nullafacenza che ho avuto attorno alle 19.30. Avevo di meglio da fare che indottrinarvi con quattro righe di idee poche e confuse. Poi però alla fine ho trovato un momento di relax in mezzo a questa domenica di riposo e quindi eccole le tre-quattro righe che in pochi di voi aspettavano.

Ovviamente il focus-day è quello di Lecce-Carpi, gara di notevole rilevanza rispetto ad alcune cose che sono successe e sulle quali terrò una lectio magistralis qui sotto.

Uno. Ormai a Lecce siamo talmente abituati a partite senza pioggia che appena fa due gocce comincia il tam-tam su Whatsapp: “Ou, ma se scioca?”, “dicono che la rinviano”, “ehi, ha ntisu? E’ saltata la partita”. Ma lampu! Pe ddo gocce!

Due. Abbiamo passato una intera settimana ad ipotizzare delle soluzioni per sostituire Marco Calderoni che, a torto o a ragione, avrebbe fatto meglio a riposare dopo l’infortunio e le fatiche di campionato. Abbiamo messo Pierno, abbiamo cercato di fantasticare su Di Matteo, abbiamo spostato Venuti a sinistra e Meccariello a destra. Invece alla fine su un campo pesante e con un infortunio (semi-guarito) alle spalle, ecco che Liverani insiste su Calderoni titolare. Poi diciti!

Tre. La soluzione in corsa di Liverani è sempre Marino a sinistra. Che poi per carità: né il ragazzo ha sfigurato, perchè si è impegnato tanto, e né Liverani ha avuto torto visto che poi ha propiziato un gol e comunque ha giocato benino per quelle che sono le sue caratteristiche. Di fatto però è un errore concettuale visto che Marino nelle sue corde proprio non ce l’ha lo spunto dell’esterno. Se ci avete fatto caso, anche quando era libero, i compagni alzando lo sguardo preferivano perdere qualche secondo in più e cambiare la giocata, segno evidente che poi così tranquilli non erano. Il tutto per non mettere Di Matteo. E siamo a due peli.

Quattro. Che poi la questione Di Matteo è diventata anche di principio. Perché non può giocare nemmeno nelle emergenze? E’ un discorso davvero importante. Lunedi contro il Perugia mancherà Lucioni e se mancasse (e sarebbe anche ora) Calderoni che difesa sarebbe? Come la vedete voi al Curi un Venuti, Riccardi, Meccariello, Marino? Rinunci ad impostare e a spingere a sinistra già quando lo speaker annuncia le formazioni.

Cinque. Non mi metto nemmeno a sindacare sugli episodi. Fuorigioco, rigori, gialli, rossi e verdoni. Però sull’andazzo si. L’andazzo era quello del guappo a cui sta sulle palle il tipo tranquillo che sa il fatto suo. Poi, per carità…

Sei. Vorrei sottolineare la prestazione di Bleve, spesso sottovalutato dai tifosi. Due interventi bellissimi che hanno salvato il risultato ma soprattutto che hanno evidenziato le sue capacità.

Sette. Su Venuti dico solo una cosa: va riscattato!

Otto. Martedi torna In Diretta dal Panetta. Attendo i miei hater in diretta o direttamente in studio per un dibattito aperto.

Nove. No, stavolta questo editoriale non fa ridere. Sono Vittorio Murra mica il Pucci.