Boxing Day, per Miccicché non è stato positivo: “Faremo una battaglia contro il razzismo”

E’ scesa in campo per la prima volta nel giorno di Santo Stefano ma di natalizio, benevolo e rassicurante c’è stato ben poco. La Serie A ha avuto il suo Boxing Day ma non lo ha sfruttato al meglio.

Le negatività si sono aggrappate tutte attorno ad Inter-Napoli, a cominciare dalla tragica morte di un tifoso dell’Inter fuori San Siro, l’episodio più importante ma avvenuto dopo in ordine di tempo, e per finire agli episodi di razzismo rivolti a Koulibaly.

A sottolineare questo è il numero uno della Lega Serie A, Gaetano Miccichè: “Tutto il movimento del calcio e i milioni di tifosi per bene sono stati danneggiati da quanto è successo. Non possiamo stare a guardare e faremo quello che è in nostro potere per impedire il ripetersi di situazioni simili in futuro. Nel prossimo Consiglio Federale affronteremo il tema della sospensione delle partite in caso di manifestazioni discriminatorie: la battaglia contro il razzismo va continuata ad ogni livello senza abbassare mai la guardia perché non possiamo accettare cori come quelli sentiti ieri”.

Commenta con Facebook