18 morti di ‘tifo’ in 55 anni. La lista nera del calcio comincia nel 1963

La morte dell’Ultrà del Varese Daniele Belardinelli è solo l’ultima di una lunga lista di persone morte in occasione di una partita di calcio. In totale se ne contano 18 e partono dal lontano 1963. Non si contano invece i feriti lievi e quelli gravi che hanno riportato poi lesioni permanenti.

Ripercorriamo tutti i casi di morte degli ultimi 55 anni.

GIUSEPPE PLAITANO – 28 Aprile 1963

E’ stato il primo di una lunga serie. Salernitana e Potenza si giocavano la promozione in Serie B, l’arbitro non concede un calcio di rigore ai padroni di casa. I tifosi insorgono e invadono il campo. Un poliziotto spara un colpo in aria ma il proiettile raggiunge Giuseppe Plaitano che si trovava sugli spalti. Era un tifoso della Salernitana, aveva 48 anni.

VINCENZO PAPARELLI – 28 Ottobre 1979

Si gioca il derby di Roma, in Curva Sud c’erano i sostenitori dei giallorossi. Da questo settore parte un razzo che arriva nella curva opposta e colpisce in pieno volto Vincezo Paparelli, tifoso della Lazio. Morirà poco dopo a seguito delle gravi lesioni riportate.

STEFANO FURLAN – 8 Febbraio 1984

Si gioca Triestina-Udinese, gara di Coppa Italia. Tra le tifoserie scoppiano degli scontri, nel caos generale perde la vita un tifoso triestino, Stefano Furlan.

 

MARCO FONGHESSI – 30 Settembre 1984

Si gioca Milan-Cremonese. Al termine dell’incontro, il tifoso rossonero Marco Fonghessi esce dallo stadio e si reca verso la sua vettura. Nota in lontananza un gruppo di persone che stava tagliando le gomme alla sua auto e prova a reagire ma viene accoltellato da altri tifosi del Milan che lo avevano scambiato per un tifoso grigiorosso.

NAZZARENO FILIPPINI – 9 Ottobre 1988

Le tifoserie di Ascoli e Inter se le danno di santa ragione al termine dell’incontro. Nei tafferugli muore il 32enne Nazzareno Filippini, tifoso della squadra bianconera.

ANTONIO DE FALCHI – 4 Giugno 1989

Si gioca Milan-Roma, un gruppo di ultrà rossoneri di circa 20 persone accerchia quattro tifosi della Roma. Uno di loro è Antonio De Falchi, 18 anni. Il giovane muore a causa di un arresto cardiaco durante la fuga.
IVAN DALL’OGLIO – 18 Giugno 1989
I tifosi viola tendono un agguato al treno che trasporta ultrà emiliani, si gioca infatti Fiorentina-Bologna. Parte una molotov che esplode all’interno di un vagone e ferisce due tifosi. Uno di questi è Ivan Dall’Oglio, 14 anni.

CELESTINO COLOMBI – 10 Gennaio 1993

Fischio finale di Atalanta-Roma, il 42enne tifoso della Dea muore stroncato da un infarto dopo essere rimasto coinvolto da cariche della Polizia.

SALVATORE MOSCHELLA – 30 Gennaio 1994

Dopo il derby Messina-Ragusa, i tifosi della squadra ospite prendono il treno per tornare a casa. I tifosi dei giallorossi però tendono un agguato e cominciano una caccia all’uomo all’interno dei vagoni. Il 22enne Salvatore Moschella tenta la fuga da un finestrino del treno in movimento ma muore.

VINCENZO SPAGNOLO – 29 Gennaio 1995

Prima del match Genoa-Milan, il tifoso di casa viene accoltellato a morte da un tifoso avversario, Simone Barbaglia di 18 anni. Quest’ultimo sarà condannato a 15 anni per omicidio.
FABIO DI MAIO – 1 Febbraio 1998
Dopo la partita giocata tra Cagliari e Treviso, un tifoso trevigiano, Fabio Di Maio di 32 anni, muore per arresto cardiaco dopo l’intervento della Polizia che cercava di sedare gli animi dopo che era scoppiata una rissa.

LIONI, ALFIERI, VITALE, DIODATO – 24 Maggio 1999

Dopo Piacenza-Salernitana, i tifosi della squadra campana tornano a casa in treno. Sono circa 3000. Nei pressi della stazione di Salerno, il treno prende fuoco a causa di un rogo acceso dagli stessi tifosi. A causa del rogo perdono la vita Vincenzo Lioni e Ciro Alfieri, 15 anni, Simone Vitale, 21 anni e Giuseppe Diodato, 23 anni.
ANTONINO CURRO’ – 17 Giugno 2001
Si gioca Messina-Catania. Le due squadre sono in campo quando dalla curva avversaria viene lanciata una bomba carta che colpisce Antonino Currò, 24 anni tifoso del Messina. Il giovane muore dopo alcuni giorni di coma.

 

SERGIO ERCOLANO – 20 Settembre 2003

Ha solo 20 anni il tifoso del Napoli Sergio Ercolano quando muore precipitando nel vuoto durante gli scontri tra tifosi e Polizia prima di Avellino-Napoli.

ERMANNO LICURSI – 27 Gennaio 2007

A morire non è un tifoso, ma un dirigente della Sammartinese, squadra di terza categoria. L’uomo muore a Luzzi, provincia di Cosenza, quando prova a sedare una rissa nata contro la Cancellese.

FILIPPO RACITI – 2 Febbraio 2007

Al termine della partita giocata tra Catania e Palermo, muore l’ispettore di Polizia Filippo Raciti colpito da tifosi inferociti che avevano messo in atto una guerriglia urbana.

GABRIELE SANDRI – 11 Novembre 2007

Il tifoso della Lazio Gabriele Sandri si trovava in un’area di servizio dell’Autosole, in provincia di Arezzo, quando viene colpito da un proiettile vagante sparato da Luigi Spaccarotella, agente di Polizia.

CIRO ESPOSITO – 25 Giugno 2014

Il tifoso del Napoli, 31 anni, viene ferito da un colpo di pistola in occasione di Napoli-Fiorentina, gara di Coppa Italia giocata a Roma. Il giovane tifoso morirà dopo 50 giorni di agonia.
Commenta con Facebook