Il Lecce contro la Juve ha vinto quattro volte su 38. Tre volte in casa, sempre per 2 a 0 e una volta a Torino, l’indimenticabile 3-4 con doppietta di Konan. La prima volta fu nel 1989 con gol di Moriero e Pasculli. L’ultima volta fu nel 2011 con gol di Mesbah e Bertolacci.

Ma la più bella, la più romantica, fu nel 1999 alla quarta di campionato, la seconda in casa.
Nella prima giornata il piccolo neo-promosso Lecce aveva pareggiato 2 a 2 contro il Milan di Weah, Shevchenko e Leonardo.

Questa volta al Via del Mare arriva la fortissima Juventus che alla fine arriverà seconda in campionato. Pronti via, dopo 100 secondi il Lecce è in vantaggio. Cross di Martino Traversa dalla sinistra e stacco di testa in mischia da parte del brasiliano Lima: la palla s’infila angolatissima alla destra dell’immobile Van Der Sar. Apoteosi.

La Juve sembra un pugile suonato.

Al 15′ lo stadio esulta per un gol di Piangerelli ma inspiegabilmente l’arbitro annulla.
Il Lecce sembra un miracolo. Juarez ‘francobolla’ Del Piero che alla fine dovrà arrendersi e uscire. Zidane cerca in ogni modo di trovare il gol ma Chimenti è insuperabile.

Il Lecce mantiene saldo il pallino del gioco per tutta la partita. Al 95′ c’è gloria anche per il ‘Sindaco’.

Contropiede di Sesa, palla a Gianluca Colonnello che tira una staffilata che mantiene col fiato sospeso tutto lo stadio: palo. Sulla respinta si avventa Conticchio che con un beffardo pallonetto chiude il match.

Partite come queste difficilmente si dimenticano e gli interpreti di queste gare rimarranno per sempre nel cuore dei tifosi.

Grande Lecce.

25 settembre 1999

Iweblab