Casertana, un tabù lungo 51 anni

Archiviato il pareggio interno contro la Fidelis Andria, il Lecce di Liverani è chiamato ad una prestazione positiva contro la Casertana per tenere inalterato il vantaggio sulle inseguitrici Trapani e Catania, entrambe appaiate a -7.

Per i giallorossi si prospetta una trasferta ostica, contro un avversario che vuole cancellare la brutta sconfitta contro la Reggina nel turno infrasettimanale: i falchetti però vengono da una striscia casalinga positiva, visto che nelle ultime tre partite interne hanno conquistato sette punti pareggiando contro il Trapani e battendo Cosenza e Fondi (senza mai subire gol). Ma in questa stagione il “Pinto” si è rivelato terra di conquista per le squadre pugliesi, visto che Andria, Bisceglie, Francavilla e Monopoli hanno vinto in casa dei rossoblu. Inoltre la squadra di Liverani ha già disputato un match a Caserta nel girone d’andata, quando la Juve Stabia era costretta a giocare in campo neutro, imponendosi per 3-2.

Un ottimo auspicio per i salentini, che d’altro canto devono fare i conti con un vero e proprio tabù: infatti in 21 incontri di campionato giocati a Caserta, il Lecce ha vinto soltanto una volta (i pareggi sono stati 11 e 9 le vittorie della Casertana). E l’unico successo è datato addirittura 22 gennaio 1967, quando Mellina realizzò una doppietta che permise ai suoi di vincere per 2-1.

Da quando il Lecce è tornato in Serie C, la sfida contro i campani si è sempre rivelata amara: negli ultimi tre tornei, sono state due le vittorie dei rossoblu, mentre una volta la gara è finita in parità. L’ultimo precedente risale al 4 febbraio 2017, e un gol di Ciotola costrinse il Lecce di Padalino al ko.

Iweblab