Lepore: “Una sfida analoga a quella contro il Foggia”. E poi: “Scendiamo tutti in campo per vincere”

Lecce Catania, Serie C

E’ l’ora del capitano. Si avvicina uno dei match più importanti della stagione e in sala stampa la parola passa a Checco Lepore: “Se anche dovessimo andare a +7 non è finita. Il campionato è troppo lungo per poterlo dire e poi affronteremo altre gare importanti”.

Catania però rappresenta comunque per tutti un grosso crocevia, anche perché è l’unica compagine che ha saputo mettere ko i giallorossi: “L’unica squadra che ci ha battuto è quella di Lucarelli. Poi è la seconda forza del campionato. Noi la stiamo preparando esattamente come le altre, non ci cambia molto; siamo sereni. Ci pensa il mister a darci la giusta carica, come fa sempre”. 

Più che una sconfitta è stata un black out per i salentini: “Ci hanno battuto con un punteggio pesante ma ci vogliamo rifare al Via del Mare. Chi non ha visto la gara e guarda il risultato può pensare che ci hanno massacrati ma sappiamo tutti che non è stato così”.

Analogie con il passato, questa gara ricorda tanto la sfida al Foggia nella scorsa stagione: “Se penso al clima e alla situazione generale mi ricorda Foggia, quando lì abbiamo perso e poi abbiamo vinto da noi”.

Pensando alla partita di domenica le idee sono chiare: “Siamo due squadre che scenderanno in campo per vincere, nessuno scende per pareggiare. A loro toglierei Lodi”.

Anche il pubblico parteciperà in massa: “E’ un bel segnale. Significa che questo pubblico ce lo siamo meritato. Cercheremo di ripagarlo”.

Iweblab