Lecce-Reggina, quanti ricordi: da Lima in porta a Cheva che segnò direttamente da un corner

Questa sera andrà in scena il 24° confronto ufficiale in gare di campionato tra Lecce e Reggina. Nei 23 precedenti (6 in Serie A, 3 in Serie B e 14 in Serie C) il bilancio è in favore dei giallorossi che hanno conquistato 14 vittorie e 7 pareggi e soltanto in due occasioni sono stati battuti dalla squadra amaranto. Le reti fatte dal Lecce sono state 34 mentre 12 sono state quelle subite.

Le due squadre si sono affrontate per la prima volta il 2 ottobre del 1949 al vecchio “Carlo Pranzo”. Era la seconda giornata del campionato di Serie C 1949/50 ed il Lecce era appena retrocesso dalla serie cadetta. L’allenatore dei giallorossi era il romano Cesare Migliorini (fu esonerato alla 25° giornata di campionato dopo il pareggio esterno di Nocera Inferiore contro la Nocerina) mentre sulla panchina ospite sedeva il grande ex Italo Zamberletti (famoso portiere del Lecce nella stagione 1929/30). Per il Lecce quel giorno era l’esordio interno in campionato e l’emozione giocò un brutto scherzo agli uomini di Migliorini, tanto da perdere per 2-0 con le due reti subite in apertura dei due tempi. I marcatori amaranto furono Avedano (anche se in posizione di sospetto fuorigioco) e di Beghi. Il Lecce scese in campo nella seguente formazione: 1 Eberle, 2 Settimi, 3 Monsellato, 4 Gorini, 5 Ciccone, 6 Mosca, 7 Cardinali, 8 Magurano, 9 Silvestri, 10 Stabellini, 11 Morello.

L’anno successivo, nella partita giocata il 18 marzo 1951 arrivò la prima vittoria per il Lecce. Il primo tempo si concluse con gli ospiti in vantaggio di una rete (realizzata ancora una volta da Beghi). Nella ripresa l’exploit giallorosso, gli uomini di Brezzi segnarono ben cinque reti Cardinali, Bislenghi, Stabellini e Prevosti (doppietta). Allenatore della Reggina era un certo Fulvio Bernardini che un po’ di anni più tardi sarebbe diventato Commissario Tecnico della Nazionale italiana di calcio (dal 1974 al 1977).

Lecce e Reggina, come si può leggere nell’incipit, hanno anche alle spalle alcuni precedenti giocati nel campionato di Serie A, ne ricorderemo qui di seguito due di queste. La prima è quella relativa al campionato 1999/00 (giocata il 17 ottobre) finita 2-1 per il Lecce grazie alle reti di Sesa e Bonomi. Ma il vero protagonista di quell’incontro fu Francisco Lima. Il centrocampista brasiliano all’86° minuto di gioco non esitò a prendere il posto in porta dell’espulso Chimenti in quanto i cambi erano terminati. Nei minuti finali di partita si rese protagonista di alcuni strepitosi interventi che permisero al Lecce di conquistare la vittoria. La seconda partita risale al 16 maggio 2004, ultima giornata di campionato, quando il Lecce di Delio Rossi raggiunse il decimo posto in classifica (in Serie A solo Mazzone fece meglio nella stagione 1988/89) vincendo per 2-1 con reti di Chevanton (direttamente da calcio d’angolo) e Franceschini. Per il bomber uruguaiano fu quello il 19° sigillo stagionale che gli permise di superare Pedro Pablo Pasculli nella classifica dei migliori marcatori di sempre in Serie A.

L’ultima precedente tra le due squadre è quello giocato nell’ottobre dello scorso anno. Al Lecce allenato da Pasquale Padalino fu sufficiente un gol del bomber Salvatore Caturano per avere la meglio sulla squadra amaranto guidata da Karel Zeman.

Iweblab