Bojinov a PL: “Vorrei giocare con Mirko in A e portare il Lecce in…”

Ha provato a salvare il Lecce in quella maledetta stagione 2011/2012 ma il suo arrivo a Gennaio non è stato sufficiente a garantire quel bottino di gol necessario alla salvezza. In quella stagione totalizzò appena 10 partite ed un gol di rapina alla Lazio, sotto la Curva Nord, che valse il pareggio.

Dopo quell’esperienza, finita male, Valeri Bojinov ha continuato a girovagare per l’Italia e per il Mondo in attesa di ritrovare sé stesso e alla fine lo ha trovato nel 2015 quando ha firmato per il Partizan, la squadra che gli ha ridato fiducia e lui l’ha ampiamente ripagata tornando a segnare con regolarità.

Valeri, ci siamo visti nel 2012 l’ultima volta. Era l’ultima del Lecce in serie A.
“E’ vero, purtroppo. Ho continuato a seguire il Lecce perché rimarrà per sempre nel mio cuore. Purtroppo è un momento difficile per i leccesi ma questa squadra tornerà nel campionato che merita perché è una squadra da serie A”.

Qui c’è un certo Antonio Vutov, dice che ce lo hai mandato tu. E’ bravo?
“Vutov è un talento e sarà per Lecce quello che sono stato io da piccolo. Gli ho parlato bene di Lecce perché credo che sia la piazza giusta per diventare calciatore e sono convinto che lui darà il massimo per tutti voi e per quella maglia. Vedrete, non vi deluderà”.

Siamo andati a vedere come ti comporti nel Partizan: hai ripreso a segnare come da ragazzino…
“Si, sono tornato il Bojinov del Lecce e questa è la verità, per me parlano i fatti: ho realizzato 19 reti”.

Su Instagram viaggi alla velocità di un paio di foto al giorno…
“Si, mi diverte molto. Prendo le foto dal sito ufficiale”.

Vucinic di recente ha affermato di voler tornare a vestire il giallorosso. Che dici? Ce lo fai un pensierino?
“Ah, vorrei tanto tornare in Italia e giocare nel Lecce con Mirko. Con lui di nuovo in serie A e portare i giallorossi in Europa League. Sarebbe un sogno”.

 

Iweblab