L’Ad del Lecce scatenato: “Puntiamo alla promozione”

Lecce Esultanza

Alessandro Adamo, amministratore delegato del Lecce, ha parlato al microfono di TMW Radio.

Puntate a vincere il campionato?

Già l’anno scorso il nostro obiettivo era quello di conquistare la promozione, fino a marzo eravamo in lotta. Quest’anno deve essere quello della svolta, almeno dal punto di vista gestionale. La nuova proprietà s’è insediata a campionato iniziato, quindi non c’è stata la possibilità di organizzare delle cose. Quest’anno abbiamo organizzato tutto in maniera migliore, per arrivare preparati all’inizio della stagione con un nuovo ds e un nuovo allenatore. Abbiamo avviato la stagione in modo incisivo, con una programmazione a tutto tondo e una campagna acquisti selettiva e adeguata a mister Padalino. Speriamo di migliorare i risultati della passata stagione“.

Possiamo aspettarci un Lecce più spettacolare?

Ogni mister ha il proprio gioco. Padalino ha un sistema di gioco diverso dal nostro precedente allenatore. Molti protagonisti della scorsa stagione non sono stati confermati per la variazione del sistema di gioco. Abbiamo rivoluzionato la rosa e ridotto l’età media della squadra. Speriamo che questo nuovo corso possa consentirci di fare una partenza sprint. Il girone C della Lega Pro è paragonabile a un B-2, per blasone e per la rosa tante squadre meriterebbero la cadetteria. Questa divisione della Lega Pro in tre gironi non la condivido, per me sarebbe meglio fare un girone con più squadre. Magari eliminando anche i playoff, che penalizzano le squadre che meritavano di più“.

Cosa ne pensa della questione legata alle partecipanti del Girone C?

La Paganese non dovrebbe giocare la prima gara, effettivamente ogni anno la Lega Pro ha gli stessi problemi. Ritengo che, sin dalla fine di luglio, si dovrebbero determinare i gironi in maniera piena e definitiva. Senza avere incertezze a torneo iniziato. Bisognerebbe avere la certezza sulle squadre partecipanti alla Lega Pro. Questo stato d’incertezza nuoce alle altre squadre“.

Coppa Italia contro l’Ascoli?

Sarà una gara che mi fa tornare alla mente vecchie immagini. È una tipica partita molto vissuta, tra l’altro i nostri stadi hanno una forma molto simile. Rimandano ovviamente al passato. L’Ascoli gioca in una categoria superiore, il Lecce ha il dovere di non trascurare nessuna manifestazione. Anche la Coppa Italia. Siamo all’inizio della stagione, abbiamo rivoluzionato la rosa e magari tanti calciatori ancora devono abituarsi al sistema di gioco del mister. Tuttavia noi vogliamo onorare la manifestazione, magari lunedì sera può esserci una sorpresa“.

Chi è l’antagonista del Lecce nel Girone C?

Sulla carta il Foggia. Vedremo un bellissimo campionato, poi c’è il Matera che può fare bene. Credo che Lecce, Foggia e Matera siano le candidate al titolo“.

Iweblab