Torromino, gol ed esplosività per l’attacco del Lecce: la scheda

Dopo Pacilli e Caturano, il d.s. Mauro Meluso completa il tridente d’attacco titolare del Lecce portando nel Salento, al termine di una lunga trattativa, l’esterno Giuseppe Torromino.

Classe ’88, Torromino nasce a Crotone ma cresce calcisticamente nella Biellese, formazione con la quale nel 2005 arriva all’esordio fra i professionisti. Dopo un anno viene aggregato alla primavera del Torino dove però non riesce a brillare e a fine stagione ritorna nella Biellese dove riesce a trovare spazio e continuità. Segue per lui un anno senza grandi acuti alla Carrarese prima di trasferirsi a Treviso, dove veste la maglia da titolare per due stagioni e si rende partecipe di una promozione dalla D alla C2.

Nel 2012 torna nella città che gli ha dato i natali vestendo la maglia del Crotone. Nella prima esperienza in Calabria conta 31 presenze con 8 gol in Serie B. Segue per lui una breve parentesi nella Virtus Entella prima di trasferirsi al Grosseto nel girone B di Lega Pro dove vive l’annata migliore della sua carriera. Segna infatti 15 reti in 35 partite, uno score di assoluto livello parametrato ad un attaccante esterno che tende a  partire lontano dall’area di rigore.

Nell’estate scorsa torna al Crotone e con 5 gol da’ il suo contributo alla cavalcata della squadra guidata da Juric, culminata con la storica prima promozione in Serie A dei rossoblu.

Torromino è un esterno sinistro d’attacco che ama rientrare sul piede destro per scaricare la conclusione verso la porta o confezionare assist per i compagni. Dotato di buon dribbling e di un ottimo tiro dalla distanza, sia di potenza e sia a giro sul secondo palo, col tempo si è guadagnato il soprannome di Hulk, grazie alla sua importante struttura fisica e alla somiglianza con l’omonimo esterno brasiliano ex Zenit San Pietroburgo, ora in Cina allo Shanghai Sipg.

torromino hulk