E’ un’altra sconfitta che pesa tantissimo per l’Enel sul parquet dell’Unipol Arena; Brindisi resiste fino al terzo tempo supplementare, ma i padroni di casa bolognesi si impongono nel finale per 115-109.

Reynolds e compagni non partono bene in campo, conducendo una gara sofferta sin dal primo quarto; la Virtus schiera subito Vitali e Pittman che fanno il lavoro grosso e portano il gruppo in vantaggio. I biancoazzurri tentano di tener stretta la difesa, costringendo così gli emiliani al tiro da fuori che però non fallisce.

I primi quattro punti per la panchina brindisina sono del nuovo arrivato Anosike, che nonostante il fermo in campo di due mesi, dimostra di dare il suo buon contributo (8 pt e 10 rimbalzi tot). Primo quarto che termina sul 22-14 e anche nel secondo i bolognesi mettono in difficoltà gli uomini di coach Bucchi; Fontecchio realizza e Gagic risponde, ma il distacco rimane fisso sul -6.

Si va all’intervallo sul 46-36 quando Odom infila la tripla sul suono della sirena; alla ripresa, è ancora Bologna a mantenere alta la concentrazione, volando sul +15 con Mazzola e Fells da sotto canestro. Nei secondi cinque minuti di gioco però Banks (30 pt e 4 assist tot) e Scott (22 pt e 11 rimbalzi tot) si prendono la squadra sulle spalle e trascinano Brindisi, chiudendo il terzo quarto sul 59-52.

Ultimo tempino intenso e impreciso da ambo le parti: Bologna sbaglia nei tiri da fuori e non conclude le penetrazioni, dall’altra parte Brindisi non sfrutta al meglio la possibilità di rimonta: 63-60 dopo cinque minuti e dopo una schiacciata di Anosike. Ultimi di gioco punto a punto per le due formazioni, una vaga Virtus permette all’Enel di raggiungerla e giocare il primo tempo supplementare dopo un tiro sbagliato dai 6,75 di Gaddy.

I brindisini trovano la carica giusta e, insieme a questa, dei buoni canestri che segnano il primo vantaggio per la squadra ospite; si segna in entrambe le metà campo ma nessuno prevale, così Gagic decide di giocare il secondo supplementare con un canestro in risposta a quello di Fells: 85-85, adrenalina pura in campo e tensione sugli spalti. Ancora cinque minuti di suspense, quando Bologna corre sul +4 e Banks replica con una pesante tripla. Nessuno sembra voler portare a casa la vittoria, Fells piazza il tiro dall’arco e Reynolds crea un canestro in reverse: 96 pari e terzo tempo supplementare.

L’Enel perde la lucidità proprio nel momento clou della partita e lascia correre i ragazzi di coach Valli, che riacquistano il +6. Nell’ultimo minuto i liberi segnati da Scott non bastano, Odom va a schiacciare e la stanchezza di Brindisi costringe alla resa. Termina il match per 115-109.

Disfatta che complica la situazione all’Enel che ora deve guardarsi bene le spalle e lavorare tanto perché la strada non è per niente in discesa. Domenica al PalaPentassuglia Brindisi ospiterà la Dinamo Sassari alle ore 12.00 per la terza giornata di ritorno.

 

BOLOGNA: Cuccarolo 0, Hasbrouck 11, Fontecchio 13, Fells 23, Pittman 13, Odom 9, Mazzola 18, Gaddy 11, Vitali 17.    Rimbalzi: 53       Palle perse:18        Assist: 13

BRINDISI: Scott 22, Banks 30, Reynolds 16, Zerini 3, Kadji 6, Gagic 19, Anosike 8, Cardillo 0, Harris 0, Cournooh 5.    Rimbalzi: 46        Palle perse: 15     Assist: 13

Iweblab