Reggio senza Kaukenas travolge Brindisi al PalaPentassuglia

enel brindisi palapentassuglia

Pranzo domenicale amaro per l’Enel Brindisi nell’anticipo dell’undicesima giornata di serie A, che quasi non scende in campo contro gli ospiti reggiani. I ragazzi di coach Menetti giocano una partita di alto livello nonostante l’assenza importante dei giocatori Kaukenas e Stefano Gentile e guadagnano il primo posto in classifica a pari punti con Trento.

Brindisi sbaglia l’approccio della gara, quando in seguito all’unica tripla di Kadji nei primi minuti (7 pt e 3 rimbalzi) non riesce più a concretizzare in attacco ed è debole in difesa; intanto gli emiliani corrono con Aradori e Veremeenko e si portano sul +10. Banks sblocca il punteggio dopo cinque minuti di gioco, ma le 8 palle perse nel solo primo tempino (16 tot) permettono agli avversari di avanzare. Reynolds piazza il tiro dall’arco e Polonara risponde chiudendo il primo quarto sul 13-22.

Nel secondo, Kadji fa respirare la squadra realizzando a canestro e subendo fallo con tiro aggiuntivo dalla lunetta che però fallisce: l’Enel non è in partita e non riesce a tener testa a Reggio, che nel frattempo si serve di Silins per raggiungere il +13 (25-38).

Nel terzo quarto si spera in una reazione di squadra per un miglior rientro in campo, ma per Brindisi è una giornata no e si nota chiaramente dall’atteggiamento dei ragazzi, non convinti di voler portare a casa i due punti della vittoria. I biancoazzurri sbagliano e Reggio non sta a guardare. Dopo sei minuti di gioco il tabellone luminoso segna 35-50 mentre capitan Zerini abbandona il parquet dopo aver commesso il suo quinto fallo.

Sul 38-54 si dà il via agli ultimi dieci minuti dell’incontro e si assiste a una Brindisi che si spegne man mano, lasciando campo libero a Reggio da tutti gli angoli. Già dopo sei minuti di gioco per i pugliesi non c’è più storia sul 44-67, così Reggio Emilia mette la ciliegina sulla torta con la schiacciata di Pechacek e vince con uno scarto di 26 punti (53-79).

Mercoledì 16 l’Enel sarà impegnata in trasferta a Berlino per giocare la sua ultima gara in Eurocup.

Dalla sala stampa:

Coach Menetti: “Sono molto soddisfatto della nostra prestazione sia per quanto riguarda il posto in classifica sia per la situazione di emergenza in cui ci troviamo. Abbiamo giocato una partita di alto livello, è una squadra che sta crescendo tanto nonostante abbiamo ancora molto su cui lavorare. Sono convinto che quando Brindisi ritroverà la sua completezza potrà giocarsela con tutti”.

Coach Bucchi: “Ovviamente partita non giocata e le ragioni possono essere molteplici, a cominciare dalla situazione infortuni di cui siamo protagonisti. Mi dispiace perché è la prima volta in questa annata in cui la squadra non ha avuto una reazione. Fino ad ora ci siamo arrangiati e non siamo cresciuti, da qui dobbiamo ripartire e lavorare sodo per il futuro; domani parlerò tanto con i ragazzi della partita di oggi e dell’atteggiamento avuto in campo per ritrovare il nostro equilibrio”.

BRINDISI: Banks 11, Zerini 4, Reynolds 11, Milosevic 0, Cardillo 0, Harris 9, Gagic 11, Kadji 9, Cournooh 0, Fiusco 0.

REGGIO EMILIA: Pechacek 5, Della Valle 11, Bonacini 0, Strautins 5, Silins 11, Polonara 16, Veremeenko 7, De Nicolao 2, Aradori 15, Lavrinovic 7.

Iweblab