Caserta beffa l’Enel in finale ed è 80-75

basket caserta enel brindisi
photo by: legabasket.it

Trasferta campana conclusasi amaramente per i biancoazzurri dell’Enel, che giocano in casa della Pasta Reggia Caserta per la penultima giornata di andata di campionato.

Partita che ha inizio in modo equilibrato con i primi canestri realizzati da Hunt e Cinciarini (19 pt con 5/9 da 3) per la formazione di casa e i tiri dall’arco di Kadji e Reynolds. Brindisi si porta avanti in un primo vantaggio, raggiungendo il +6 che però dura poco, quando i bianconeri agguantano gli avversari e chiudono il primo quarto sul 18-20.

Secondo tempino caratterizzato da una discreta prestazione di Milosevic (6 pt e 1 rimbalzo tot), autore di una schiacciata rapida a firmare il +9 dopo cinque minuti di gioco: 19-28. L’Enel allunga ma non trattiene l’ampio distacco, subendo così un parziale di 8-0 negli ultimi minuti; un fallo tecnico fischiato alla panchina casertana permette a Brindisi di rimanere in testa, ma Gagic perde palla, Gaddefors segna dalla lunetta e sul 31-33 si va al riposo lungo.

Nel terzo quarto la Juve Caserta gioca in velocità e conquista il primo vantaggio di questa partita proprio con Cinciarini che piazza le pesanti triple; ci pensano Scott e Banks in terzo tempo a mandare avanti i pugliesi, sebbene un super Downs domini sotto canestro (26 pt, 6 rimbalzi e 4 assist tot). A quattro minuti dal termine i brindisini sono indietro di 3 punti; Caserta sfrutta il contropiede e torna in vantaggio sul 49-44; Cournooh incassa due punti in reverse e sul terzo fallo di Gagic suona la sirena per il 52 pari.

Ultimo quarto incandescente al Palamaggiò, quando il pubblico di casa incita i suoi, nonostante anche le circa 200 voci brindisine si facciano sentire: danza sul canestro il pallone del mini vantaggio firmato Adrian Banks, Kadji porta a casa il ferro con un’agile schiacciata, ma Downs e Hunt non mollano la presa. 61-60 e cinque minuti da giocare. Reynolds procede velocemente in penetrazione, ma la risposta immediata arriva da Bobby Jones dai 6,75 m. L’Enel combatte, fino a quando la lunetta diventa decisiva e premia Siva per Caserta e non Scott per Brindisi; 80-75 al 40’, quando il tabellone luminoso dichiara la fine dell’incontro.

La Pasta Reggia ottiene ancora un successo dopo quello del derby campano contro Avellino, mentre per i ragazzi di coach Bucchi diventa ora fondamentale la vittoria con Cremona in ottica Final Eight di Coppa Italia.

 

CASERTA: Hunt 14, Downs 6, Jones 5, Cinciarini 19, Siva 9, Ghiacci 3, Giuri 2, Gaddefors 2.
Rimbalzi: 27 Palle perse: 8 Assist: 20

BRINDISI: Banks 11, Scott 18, Reynolds 17, Kadji 11, Zerini 2, Milosevic 6, Cardillo 0, Cournooh 3, Harris 0, Gagic 7.
Rimbalzi: 43 Palle perse: 19 Assist: 5

Iweblab