Nel posticipo della 12° giornata di serie A l’Enel Brindisi calca il parquet di gioco delle scarpette rosse, tentando di ottenere la prima vittoria in casa Milano. Partita che viene conquistata solo nel finale, dopo essere stata riaperta più volte per mano dei biancoazzurri.

I brindisini si approcciano bene alla gara con Scott, mentre Milano parte lentamente e trova i primi canestri solo subendo fallo e realizzando dalla lunetta, 4-4 dopo cinque minuti di gioco. L’Enel accumula 9 palle perse, portandosi poi in bonus per falli commessi e intanto gli uomini di coach Repesa avanzano sul +5, chiudendo il primo quarto sul 15-7.

Nel secondo tempino ci pensa capitan Zerini con due pesanti tiri da fuori area a firmare il -2 in due minuti. Mclean commette fallo antisportivo su Cournooh, Milosevic piazza la tripla e l’Enel vola sul +3 (19-22), ma ancora i falli spesi da Brindisi permettono ai padroni di casa di avanzare timidamente, finchè a un minuto dalla fine i biancorossi trovano il massimo vantaggio della partita: 36-28 e squadre negli spogliatoi.

Terzo quarto caratterizzato da alti e bassi: Milano allunga sul +10 ma per Brindisi prendono coraggio Kadji e Banks (15 pt tot) che riaprono l’incontro dopo sei minuti giocati sul 44-41. Botta e risposta a suon di tagli a canestro tra Mclean e Macvan da una parte e Cournooh e Zerini dall’altra: l’Olimpia è artefice di disattenzioni che però Banks e compagni non sfruttano a pieno per la rimonta.

Sul 52-50 si dà il via all’ultimo quarto, quando il trio Zerini-Kadji-Banks fa respirare Brindisi, restando col fiato sul collo all’Armani; Scott risponde alla tripla di Lafayette con un buon piazzato dalla media distanza ed è 56 pari a cinque minuti dalla fine. E’ Simon l’uomo chiave di questo match, che con 3 tiri dall’arco consecutivi (19 pt tot) guida Milano dilatando il punteggio sul 69-62. L’Olimpia corre e per un attimo Brindisi sembra restar a guardare, poiché non riesce più nei contropiedi e non accorcia le distanze. L’ultima speranza per i pugliesi si ha a meno di un minuto dal termine, quando sul 75-70 Bucchi costruisce la rimessa per i suoi mandando al tiro lungo Banks, che sfortunatamente viene spazzato via dal canestro. L’Enel cerca di ridurre lo svantaggio negli ultimi secondi e l’ultimo (ma anche il primo) canestro è di Scottie Reynolds: termina il match 77-72 al Mediolanum Forum di Assago.

Mercoledì 23 l’Enel Brindisi ospiterà Torino alle 20.30 per la 13° giornata di campionato, scendendo in campo contro l’amato ex Jerome Dyson.

Iweblab