Ancora una sconfitta in questo girone di andata di Eurocup per l’Enel Brindisi che affronta fuori casa i tedeschi del Riesen Ludwigsburg. Collegamento non puntuale a causa di problemi sul satellite, che non permettono di seguire i primi minuti di gioco. Lo starting five schierato da coach Bucchi vede protagonisti Cournooh in cabina di regia accompagnato da Banks, Scott, Zerini e Gagic. I brindisini subiscono un parziale di 11-5 nei primi sei minuti, grazie soprattutto alle realizzazioni di Munoz (5/9 da 3 per 17 punti totali), riportandosi al -5 nel finale (19-14).

Secondo quarto che si apre con un canestro di Shakur; la formazione tedesca avanza nel punteggio, dimostrando in campo aggressività offensiva e una difesa a tutto campo. Dopo un fallo tecnico fischiato a McCray e un netto tiro dall’arco di David Cournooh, i biancoazzurri accorciano le distanze (26-23). Mentre Banks è preciso in lunetta (7/7 tot) e Scott realizza sotto le plance tedesche, Gagic perde importanti palle che permettono ai tedeschi di allungare il vantaggio: 40-33 a due minuti dal termine. Una tripla di Milosevic fissa il punteggio 42-36 e manda le squadre negli spogliatoi.

Nel terzo tempino Brindisi si carica e parte veloce con una schiacciata di Gagic (8 pt e 4 rimbalzi tot). Il match viene condotto punto a punto dalle due formazioni: da una parte i contropiedi di Huff e Trice, dall’altra gli appoggi al tabellone di Scott e di Banks. In nove minuti di gioco i pugliesi effettuano un parziale di 13-22 e chiudono di fatto il quarto in parità (60-60).

Ultimi dieci minuti in cui tutto è da rifare; l’Enel ci crede e combatte fino alla fine. Un antisportivo assegnato a Milosevic consente ai giocatori alemanni di portarsi nuovamente sul +8. O’Neale e compagni non fanno sconti e giocano rapidi nelle penetrazioni, fino a raggiungere il massimo vantaggio del match (74-62) quando restano quattro minuti da giocare.

Per la compagine brindisina l’impresa diventa ardua, ma gli uomini di Bucchi non demordono e danno prova di rimanere lucidi, tanto da restare dietro di soli tre punti a 1 minuto dalla fine (78-75). Ultimi secondi che si trascorrono per lo più in lunetta, Kadji fallisce la tripla che può dare un’ultima speranza alla squadra e Shakur  mette a segno il canestro del +6; Banks concretizza da sotto canestro, ma ormai il suono della sirena dichiara la fine dell’incontro (84-80): il Ludwigsburg incassa la seconda vittoria nel girone B, mentre l’Enel Basket resta ancora a zero.

Ora per Zerini e compagni la salita è davvero ripida e bisognerà dare una prova più di cuore che di tecnica, per affrontare al meglio le prossime partite. Domenica 8 alle ore 18.00 i biancoazzurri sfideranno Venezia tra le mura amiche, mentre mercoledì 11 farà visita la squadra di Berlino per l’ultima giornata di andata di Eurocup.

 

LUDWIGSBURG: McCray 8, Munoz 17, Huff 9, Trice 16, O’Neale 7, Waleskowski 0, Boone 5, Shakur 11, Loesing 6, Brockman 5.

BRINDISI: Banks 18, Scott 17, Cournooh 10, Harris 7, Milosevic 14, Gagic 8, Zerini 2, Marzaioli 0, Kadji 4.

Iweblab